Miniere di rame , Montecatini val di Cecina , loc. Camporciana

Breve storia

La miniera di Caporciano è una miniera di rame con origini storiche. Si trova a circa un chilometro dall’abitato di Montecatini Val di Cecina ed è stata attiva dall’epoca etrusca fino agli inizi del 1900, con alcune interruzioni.

Durante il XIX secolo l’attività di estrazione del rame ebbe una forte espansione e la miniera di Montecatini Val di Cecina diventò la più grande miniera di rame d’Europa. L’attività mineraria cessò agli inizi del XX secolo.

Il complesso museale dell’area mineraria è il risultato della volontà dell’amministrazione comunale di Montecatini Val di Cecina che con l’aiuto di altre istituzioni: Comunità Montana dell’Alta Val di Cecina, Provincia di Pisa, Regione Toscana, e Unione Europea è riuscita a recuperare il complesso minerario abbandonato.

Descrizione


La miniera era suddivisa in dieci livelli e in ciascun livello si diramavano varie gallerie. Se si sommano tutte le lunghezze delle gallerie si raggiungono i 35 km e se si sommano le altezze di tutti i pozzi si raggiungono i 10 km.

  • Immagine n.1 Accesso Miniera
  • Immagine n.2 Inizio Galleria
  • immagine n.3 Primi Gradini
  • immagine n.4 Galleria che curva
  • immagine n.5 Gallerie con centine
  • immagine n.6 Galleria con centine
  • museo
  • Strumenti
  • Mura esterne
  • panoramica
  • panoramica
  • mura interne
  • mura interne
  • composizione mura
  • mura interne
  • materiale ricco di rame
  • materiale ricco di rame
  • mura interne
  • particolari argano
  • particolari argano
  • particolari argano
  • mura interne
  • statua dedicata ai minatori ed alle famiglie
  • mura interne
  • Amministrazione