Arte nella mia città

Battistero di San Giovanni in corte

Il nome deriva dall’antica chiesa di Santa Maria in Corte, di epoca longobarda, alla quale ha preso il posto. La sua ricostruzione nelle forme odierne a base ottagonale fu cominciata a partire dal 1301. Un apporto progettuale di Nicola Pisano risulta del tutto ipotetico mentre è ricca la testimonianza sui lavori di cantiere svolti fino al 1361.

È considerato tra le massime espressioni del gotico toscano, in quanto riunisce in sé elementi fiorentini, pisani e senesi.

L’esterno è interamente rivestito di marmo bianco e verde. Ormai acclarata la posizione secondaria attribuita per anni dalla storiografia locale a Cellino di Nese. Presenta tre portali finemente decorati con bassorilievi e capitelli scolpiti nel marmo. A differenza del Duomo senese e di quello orvietano, il portale principale è strutturalmente insolito, in quanto sormontato da un timpano triangolare intero con un rosone traforato al centro. La piramide che costituisce la cupola è preceduta da un piano loggiato cieco e da un deambulatorio circondato da una balaustra in colonnelli tortili, mentre i pilastri angolari terminano con ricchi pinnacoli. La lanterna posta sulla sommità della cupola riprende la planimetria ottagonale del Battistero. L’imponente monumento raggiunge un’altezza di circa 40 metri.

Per quanto riguarda l’apparato ornamentale interno, si evidenziano le formelle in cotto della vasca battesimale che spiccano a confronto con la semplicità dell’ambiente.

Il restauro del 1975 ha messo in luce nel fonte battesimale la data del 1226 e il nome dello scultore, Lanfranco da Como.

Già nel Medioevo, di fronte al battistero, nel giorno di sabato si teneva un mercato settimanale.

Dettaglio del Fonte battesimale
Dettaglio laterale Fonte Battesimale
Particolare
Statua di san Giovanni , interno Battistero Pistoia
Statua di san Giovanni , interno Battistero Pistoia, lato opposto
Scorcio vista della cupola del battistero e dei tetti della città
Vista della campane del Campanile del duomo
Accesso al campanile del duomo

 

Fregio Robbiano Ospedale del Ceppo

La storia del Fregio

L’Ospedale sorse nel 1277 nel luogo in cui due coniugi, Antimo e Bendinella, trovarono, dietro indicazione della Madonna che era loro apparsa, un ceppo fiorito in pieno inverno (da cui il nome dell’Ospedale): lì essi fondarono un luogo non soltanto di cura delle malattie, ma anche di accoglienza.

L’Ospedale seguì solo in parte le sorti della città e se nel ‘400 Pistoia era già da tempo sotto il controllo fiorentino, la carica di Spedalingo, ovvero l’amministratore delle risorse dell’Ospedale, veniva ancora nominata dal Comune, senza alcun tipo di intervento o pressione fiorentina nella scelta. Questo scatenava ogni volta grandi lotte fra le famiglie pistoiesi per accaparrassi il posto tanto ambito, tant’è che a inizio ‘500 Firenze inviò un proprio Spedalingo, Leonardo Buonafede, per placare le lotte intestine a Pistoia.

Il Buonafede non era una persona a caso: frate certosino, priore della Certosa del Galluzzo e Spedalingo dell’Ospedale di S. Maria Nuova, era di comprovata esperienza. Al suo arrivo a Pistoia egli decise di completare la costruzione del loggiato, che era già stata cominciata, e, una volta finito quello, di provvedere alla decorazione.

Per far questo chiamò inizialmente due artisti, Benedetto Buglioni e Giovanni della Robbia: il primo realizzò la lunetta con l’Incoronazione della Vergine sopra l’accesso alla ex-chiesa posta a sinistra della facciata dell’Ospedale, mentre il secondo realizzò i tondi sopra al loggiato.

Ma la decorazione non era finita qui e per il Fregio, nel 1526, venne chiamato Santi Buglioni a realizzare le Sette Opere di Misericordia, che illustrassero sette “buone azioni” fatte dall’Ospedale per accogliere pellegrini, malati, poveri, ecc.

Le Sette Opere di Misericordia del Fregio Robbiano

Nella prima formella, posta sul fianco sinistro, si rappresenta la prima Opera di Misericordia, ovvero Vestire gli ignudi. Al centro Leonardo Buonafede, vestito in bianco e nero, sta da un lato porgendo un panno per coprire gli ignudi e dall’altro dona dei soldi alle giovani fanciulle senza dote e alle vedove povere. Tali compiti, come quelli illustrati in tutte le formelle successive, spettavano all’Ospedale. Segue, in angolo un’arpia apotropaica, che si ritrova, pari pari, all’angolo opposto.

Vestire gli ignudi (fonte: Caterina Bellezza)

 

La seconda formella illustra Ospitare i pellegrini: lo Spedalingo lava i piedi a un pellegrino, sotto le sembianze di S. Giovanni Battista, patrono di Firenze, mentre altri pellegrini, fra cui S. Jacopo, armati di bastone, stanno giungendo da sinistra. Segue la figura della Prudenza, una delle Virtù, armata di specchio.

Ospitare i pellegrini (fonte: Caterina Bellezza)

 

Nella terza scena si rappresenta il Curare gli ammalati, uno dei compiti principali dell’Ospedale: il paziente a sinistra giace su un letto mentre un medico gli sta tastando il polso; dall’altro lato, invece, un altro paziente viene curato da un chirurgo. E’ una rappresentazione che sembra alludere alla Scuola Medica Pistoiese, vanto e gloria della città fra ‘600 e ‘800, poi confluita nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze. La Virtù che segue è quella della Fede.

Curare gli ammalati (fonte: Caterina Bellezza)

 

Nella quarta formella, quella del Visitare i carcerati, troviamo Leonardo Buonafede a colloquio con S. Leonardo, protettore dei carcerati che vengono visitati dietro le sbarre a ai quali viene portato da mangiare da alcuni inservienti dell’Ospedale. Segue la Carità.

Visitare i carcerati (fonte: Caterina Bellezza)

 

La quinta formella illustra Seppellire i morti, unica Opera di Misericordia non citata nel passo evangelico di Matteo, che mostra un funerale e un seppellimento. Lo stesso Ospedale aveva il compito di provvedere a questo rito per le persone che vi morivano, dal momento che non lontano dal Ceppo si trovava un cimitero di competenza dell’Ospedale. La Virtù seguente è la Speranza, di verde vestita.

Seppellire i morti (fonte: Caterina Bellezza)

 

Quinta formella è quella del Dar da mangiare agli affamati, un altro dei compiti dell’Ospedale: Leonardo Buonafede invita a tavola un povero, mentre abbondante pane viene distribuito fra i poveri. Segue la Giustizia con la spada.

Dar da mangiare agli affamati (fonte: Caterina Bellezza)

 

Le vicende dell’ultima formella

Se fin qui tutto era andato bene, nel 1528 la decorazione del Fregio si interruppe per l’improvvisa partenza di Leonardo Buonafede da Pistoia in seguito alla sua elezione a Vescovo di Vieste. Partito il committente, nessuno finanziò più Santi Buglioni e la sua bottega, che lasciò il Fregio incompleto.

Soltanto sessanta anni dopo il nuovo Spedalingo, Bartolomeo Montechiari, decise di proseguire e ultimare l’opera lasciata incompleta e fu così che chiamò un artista pistoiese, Filippo Paladini, a realizzare la formella del Dar da bere agli assetati.

Il povero artista, tuttavia, non conosceva la tecnica della terracotta invetriata usata da Santi Buglioni, tant’è che provò a imitarla, ma con scarsi risultati. La sua è l’unica scena dai colori meno vivi e lucidi, quasi più tendenti al marrone, anche se l’attuale restauro ha pienamente reso leggibilità all’opera.

Dar da bere agli assetati (fonte: Caterina Bellezza)

 

Completato nel 1585 circa, il Fregio Robbiano appena magistralmente restaurato è oggi un fiore all’occhiello di Pistoia. E forse le foto proposte rendono solo in parte la bellezza dell’opera, che va vista davvero di persona.

 

Palazzo di Giano , storia

Al palazzo è attribuito comunemente il nome di palazzo di Giano in riferimento al podestà Giano della Bella. Tuttavia, nonostante le incertezze sull’esatta cronologia dell’edificio, si ritiene che la principale fase costruttiva risalga al secondo quarto del XIV secolo, mentre Giano fu podestà nel primo semestre del 1294[1]. Sotto la podesteria di Giano risultano solamente i primi acquisti di case sul terreno dove sorgerà poi il palazzo comunale[1].

Nel febbraio 1339 inizia per l’edificio, già costruito su due piani, una fase di ampliamento in linea con un ambizioso progetto finale[2] e vengono così espropriate le case contigue, appartenenti a importanti famiglie pistoiesi, tramite un particolare processo burocratico. Il Consiglio generale approva la proposta di esproprio delle abitazioni, ma sancisce anche che si debba procedere alla stima delle case così da risarcire il proprietario; tale stima dovrà essere la media aritmetica delle valutazioni date da tre commissioni differenti. Questo iter burocratico dimostrava la priorità dell’interesse pubblico rispetto a quello privato, ma anche la garanzia dei diritti del cittadino possessore del bene espropriato in quanto risarcito tramite un procedimento rapido e obiettivo[3]: in soli ventisei giorni l’intera procedura di esproprio fu conclusa[4].