Viaggio nelle Cave di ferro A Rio Marina (isola d’Elba)

Breve storia:

La zona di Rio Marina è stata sfruttata fin dai tempi degli Etruschi per scopi minerari, a causa della forte presenza di minerale di ferro nel terreno.

A breve distanza dall’abitato, in località Il Piano, si trova l’importante necropoli rupestre di Rio Marina, una sepoltura collettiva risalente all’Eneolitico.

I primi insediamenti documentati risalgono intorno al XV secolo: in quel periodo la zona era conosciuta come «Piaggia di Rio», e costituiva il punto di accesso al mare del vicino centro abitato di Rio nell’Elba. In quei periodi infatti le incursioni dei pirati spingevano gli abitanti a costruire i paesi sulle colline: le uniche costruzioni presenti all’epoca erano la Torre di Rio Marina (essa compare come «Torre di Spiaggia» in una cartografia del 1420 attribuita a Cristoforo Buondelmonti), l’oratorio di San Rocco ed alcuni edifici di servizio.

È nel XVIII secolo, quando ormai le incursioni piratesche sono un ricordo, che il borgo comincia a svilupparsi: alcuni padroni di bastimento e marinai, liguri e corsi, si trasferiscono alla Marina di Rio ed insieme alle guardie, ai pesatori, ad alcuni pescatori e ad altri padroni e marinai scesi da Rio nell’Elba, danno origine alla prima comunità piaggese. Ai tempi dell’invasione francese del 1799 il paese conta circa 800 abitanti. È in quel periodo che comincia lo sfruttamento industriale delle miniere di ferro: vengono importate nuove tecnologie e aperte nuove cave. Nel 1841, nonostante la viva opposizione da parte della parrocchia di Rio nell’Elba, un decreto vescovile sancisce la nascita della parrocchia paesana, che troverà sede nella chiesa di Santa Barbara.

È dedicata a questa Santa poiché Rio Marina è un paese a vocazione mineraria fin dai tempi più antichi, che per questo motivo l’ha scelta come protettrice. Non fu costruita subito nel luogo dove si trova nel ventunesimo secolo, all’ingresso del paese, bensì nel suo centro, dove si trova la piazza del Municipio, nell’anno 1843. Quella struttura ebbe vita breve, in quanto sin dal 1850 si verificarono problemi di staticità che consigliarono nel 1860 di abbandonarla e demolirla. Rimase in piedi solo il campanile, fino al 1958.

Ma la popolazione reclamava una chiesa parrocchiale idonea all’incremento della popolazione, da intitolarsi a Santa Barbara, essendo il piccolo oratorio esistente di San Rocco poco capiente per una popolazione che era cresciuta in maniera esponenziale assieme allo sviluppo delle attività estrattive; ed allora la società Ilva, che aveva costruito gli archi di trasporto a mare del minerale sul passante della vecchi chiesa, sovvenzionò la costruzione della nuova struttura su proprio terreno, e che fu aperta solennemente al culto il 4 dicembre del 1934 dal vescovo di Massa e Populonia Faustino Baldini, e dal parroco Andrea Corsetti.

La costruzione e la decorazione in formelle delle porte lignee avvenne ad opera di Giuseppe («Tonietto») Carletti, già sindaco del paese per due anni dopo la fine della prima Guerra Mondiale, che in bassorilievo volle rappresentare la santa patrona, in atteggiamento altero, immersa nell’ambiente di cui era referente salvifica. Il 13 aprile 2003 è stata nuovamente inaugurata dopo un importante restauro conservativo.

Nel 1853 si insedia nel paese una piccola comunità valdese, attiva fino al giorno d’oggi.

Con la spinta delle miniere, il paese vede una forte crescita demografica, fino a raggiungere l’apice alla fine del XIX secolo, quando possedeva una delle migliori flotte della penisola ed era diretta da uomini economicamente forti e politicamente determinati. È di questo periodo la scissione a comune autonomo: per celebrare l’occasione, sulla cima della torre ottagonale, ormai inutilizzata, viene costruita una torretta con l’orologio, donando al monumento l’aspetto attuale. A cavallo del 1900, il paese vive una profonda crisi, che terminerà quando la società Elba ottiene il possesso dell’intera catena produttiva delle miniere di Rio, dall’estrazione al trasporto. Sono momenti di ricchezza per il paese, ma spesso le condizioni di lavoro in miniera sono proibitive: turni di dodici ore in un ambiente malsano, la povertà degli operai che costringeva anche gli anziani e le donne a lavorare. È in questo periodo che arrivano a Rio le nuove idee socialiste ed anarchiche: nasce nel 1904 la sede locale del Partito Socialista Italiano. Nel 1911 si apre una dura contestazione degli operai contro i dirigenti delle miniere, che si concluderà con la cocente sconfitta del proletariato e il licenziamento di molti operai. Nove anni dopo, in pieno biennio rosso, venne addirittura tentata l’occupazione e autogestione delle miniere, ma nonostante l’aiuto della giunta comunale socialista anche questo tentativo fallì. Tuttavia, con l’avvento dei tempi moderni, le miniere subirono un brusco ridimensionamento, fino alla chiusura definitiva nel 1981. Dopo la chiusura delle miniere, l’attività estrattiva ha dovuto lasciare il passo allo sviluppo turistico, trasformando così Rio Marina in una fiorente località balneare.

Strumenti di lavoro nella cava